Ipnosi e psicologia a Cagliari... e non solo.

CONTATTI
Telefono: 3473095315
mail: g.delogu@me.com
Sede dello studio: via Giovanni Battista Tuveri, 72
09129 Cagliari (CA)

lunedì 3 luglio 2017

Cosa c'è dopo la morte? Seminario esperienziale

Care lettrici e lettori,
L'argomento del "dopo la morte" è stato oggetto di interesse da che l'uomo esiste . Ciascuna religione dà una propria interpretazione, spesso in contraddizione con quello che dicono le altre. Si va in paradiso, ci si reincarna, si va all'inferno, si diventa pura energia, si incontra Gesù o un gineceo di vergini? Già il fatto che miliardi di persone credano in concetti così diversi deve far riflettere sul fatto che, in sostanza, tutti credono per fede alla religione di appartenenza, ma nessuno può avere la certezza assoluta di quello che realmente accade quando il cuore cessa di battere.
Ma qui entrano in gioco le OBE, out of body experience, esperienze nelle quali alcune persone quasi morte -ossia in arresto cardiaco- riferiscono di aver sperimentato l'uscita dal proprio corpo, di volare in un tunnel con una luce paradisiaca in fondo, e una voce che dice loro "non è ancora il tuo momento". Altri riferiscono sensazioni oscure di estrema negatività, per esempio fuoriuscita dal corpo accompagnate da paura o terrore.
Uno studio autorevole ha però dimostrato il 96% dei soggetti con esperienze ai confini della morte (arresto cardio circolatorio), avevano sperimentato in passato fenomeni di paralisi nel sonno.
Cosa significa tutto ciò? Che esiste una correlazione fortissima tra coloro che riferiscono episodi nei quali si sono sentiti paralizzati,  impossibilitati a muoversi, e a quel punto hanno avuto esperienze incredibili di alieni nella stanza che confabulavano tra loro o viaggi fuori dal corpo, ed esperienze analoghe in punto di morte.
Esistono delle ragioni neurologiche che spiegano il perché alcune persone hanno queste esperienze: il prof. Olaf Blanke dell'ospedale universitario di Ginevra, stimolando elettricamente il cervello di una paziente gravemente epilettica, notò che stimolando la circonvoluzione angolare, nella corteccia temporo-parietale, la paziente ebbe delle ripetute esperienze fuori dal corpo.
La correlazione tra questi due fenomeni è altamente significativa: in entrambi i casi entrano in gioco gli stessi circuiti cerebrali, fattori biologici che fanno in modo che certi fenomeni si verifichino.
Cos'ha a che vedere questo con l'ipnosi? La stessa biologia e aree cerebrali condivise, permettono in una regressione ipnotica "in punto di morte" di poter sperimentare le stesse sensazioni delle esperienze ai confini della morte. Non c'è bisogno di andare in arresto cardiaco per sapere cosa succede: basta partecipare al seminario esperienziale che si terrà a Cagliari in via Dante 16 presso la sede della LILA lega italiana per la lotta contro l'aids, il giorno giovedì 13 luglio alle ore 16:00.
Vi ricordo che la quota di partecipazione è di 20€, una parte della quale verrà devoluta alla LILA.
Per le prenotazione è sufficiente una mail.
Vi aspetto con gioia.

Dott. Delogu